A.I.A.
SOCIAL
twitter-icon
logo 100 "Dietro ogni impresa di successo c'è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa..."
DI LIBERATORE...UNA RIUNIONE

DI LIBERATORE...UNA RIUNIONE "A BOMBA"!

Si può partire da questa espressione usata spesso da Elenito Di Liberatore, assistente...

LUIGI DAL CAPO DELLA POLIZIA

LUIGI DAL CAPO DELLA POLIZIA

L' 11 dicembre è una data che difficilmente il nostro Luigi dimenticherà. Subito dopo aver...

DI LIBERATORE A LECCE !

DI LIBERATORE A LECCE !

Sarà ospite della nostra sezione, in occasione della riunione plenaria del mese di Dicembre, l'...

Grandi osservatori = Grandi arbitri

Grandi osservatori = Grandi arbitri

"Grandi osservatori = gradi arbitri" E' con questa equazione che si è conclusa ieri la riunione...

LEGALITALIA...TUTTI VINCENTI

LEGALITALIA...TUTTI VINCENTI

Si terrà a Roma, presso il centro sportivo dell' Acqua Acetosa, la manifestazione...

  • DI LIBERATORE...UNA RIUNIONE

    DI LIBERATORE...UNA RIUNIONE "A BOMBA"!

    Mercoledì, 17 Dicembre 2014 14:17
  • LUIGI DAL CAPO DELLA POLIZIA

    LUIGI DAL CAPO DELLA POLIZIA

    Lunedì, 15 Dicembre 2014 21:37
  • DI LIBERATORE A LECCE !

    DI LIBERATORE A LECCE !

    Venerdì, 12 Dicembre 2014 20:29
  • Grandi osservatori = Grandi arbitri

    Grandi osservatori = Grandi arbitri

    Sabato, 06 Dicembre 2014 10:01
  • LEGALITALIA...TUTTI VINCENTI

    LEGALITALIA...TUTTI VINCENTI

    Venerdì, 05 Dicembre 2014 19:06

CONTATTACI

address Via Martino Marinosci, n° 14/A 
73100 LECCE
telefono 0832 / 458317
fax 0832 / 458317

A.I.A. SOCIAL

Segui le pagine Facebook e Youtube per avere aggiornamenti e notizie in tempo reale dalla nostra "community", guardare video, chiedere consigli e tanto altro.
twitter-icon

SINFONIA 4 YOU

sinfonia4you

NEWS DALLA SEZIONE

DI LIBERATORE...UNA RIUNIONE "A BOMBA"!

riunione dilibSi può partire da questa espressione usata spesso da Elenito Di Liberatore, assistente internazionale, per poter riassumere la riunione alla quale gli associati della sezione di Lecce hanno assistito ieri sera nei locali sezionali.
Una riunione insolita, condotta magistralmente da un grande UOMO oltre che da un grande arbitro. Non si è parlato di tecnica, non si sono visti filmati; si è parlato di vita vissuta, di esperienza, di passione, di sacrificio. Durante il suo discorso, rigorosamente a braccio, Elenito ha saputo catturare l’ attenzione della platea incentrando il suo ragionamento su come la vita di ogni essere umano può essere paragonata ad una partita da arbitrare: gli ostacoli (curioso ma calzante l’ esempio del tombino da evitare sulla fascia dello stadio Massimino di Catania), gli errori da cui sapersi rialzare, le insidie che la vita, così come una partita, presentano.
“Non sperate di avere una vita facile, ma di avere la forza di vivere una vita difficile” forse una delle frasi più belle tra le tante dette da Elenito nel corso della serata e sicuramente una frase di forte impatto emotivo. Sulla stessa onta prosegue “Le cicatrici vanno mostrate con orgoglio” ad una persona normale, che non sa cosa significa combattere, verrebbe naturale nascondere le proprie cicatrici, dimostrare al mondo che è una persona forte e che non ha mai dovuto lottare perché la vita è sempre stata benevola. Ma noi non siamo gente normale, noi siamo arbitri, persone speciali. Persone che da un momento negativo sanno sempre tirar fuori il meglio, sanno sfruttare l’ occasione per crescere e migliorarsi. Ed è qui che ritorna il paragone tra campo e vita, da un errore in campo bisogna sapersi risollevare e così è nella vita: bisogna combattere, uscirne vittoriosi e soprattutto essere fieri ed orgogliosi di aver combattuto. Naturalmente a volte combattere da soli sarebbe impossibile, ma l’ AIA è una grande famiglia ed è pronta a sostenere un suo componente in difficoltà dimostrando che all’ interno di questo gruppo, fatto da 35.000 persone, siamo tutti uguali e nel momento del bisogno possiamo contare su una seconda famiglia che non fa mai mancare l’ affetto sincero durante i momenti di bisogno.
Alla fine del suo intervento la sala ha riservato ad Elenito un lungo e fragoroso applauso; un applauso che voleva dire “grazie” per aver condiviso con ognuno di noi la sua esperienza.
Dopo la riunione il nostro ospite è stato protagonista anche della festa di Natale della sezione leccese dimostrando, ancora una volta, il suo affetto.
Sono riunioni come queste che fanno comprendere ancora di più la fortuna che si ha quando si fa parte dell’ AIA. La sezione di Lecce e i suoi associati hanno trovato una sorta di fratello maggiore, un fratello dal quale prendere tutto ciò che di buono è in grado di dare con la consapevolezza che Elenito mette su un piatto d’ argento tutta la sua esperienza di vita e arbitrale e lo fa con il cuore perché lui è cosi, E’ GRANDE! 

 

S.P.

LUIGI DAL CAPO DELLA POLIZIA

rosato poliziaL' 11 dicembre è una data che difficilmente il nostro Luigi dimenticherà. Subito dopo aver ricevuto la designazione da parte del presidente Nicchi per il quadrangolare "LegalITALIA...tutti vincenti", Luigi ha avuto la fortuna di essere ricevuto dal Capo della Polizia di Stato dott. Pansa. Abbiamo chiesto a Luigi di darci un resoconto della sua visita:

Pensavo che entrare al Ministero dell’Interno, giovedì 11 dicembre 2014, per essere ricevuto dal Capo della Polizia, sarebbe stato un avvenimento che mi avrebbe fatto piacere soprattutto per il fatto che sarei stato ricevuto con il mio papà Daniele, poliziotto, dato che da quando ha saputo la notizia non era più nella pelle. Ma, dopo aver trascorso circa due ore nel palazzo del Viminale, e dopo aver incontrato il Capo e visitato il Ministero,  il mio pensiero era del tutto cambiato. Avevo la consapevolezza di aver vissuto un’ esperienza che difficilmente avrei dimenticato.

Il programma della visita, a dire del Questore di Lecce Maiorano che ci aveva accompagnato sino a Roma, avrebbe seguito un rigido protocollo: “sai Luigi”, mi aveva detto durante il viaggio, “gli impegni del Capo della Polizia sono una cosa seria”, facendomi intuire che il tutto si sarebbe svolto in una decina di minuti al massimo. Essendo giunti con mezz’ora di anticipo al palazzo del Viminale, pensavo di dover fare una noiosa attesa in anticamera ma, con mia enorme sorpresa, appena varcata la porta del corridoio, ad attenderci vi era un addetto alla sicurezza che chiamandomi “arbitro Rosato” (come se mi conoscesse da tempo),  mi ha stretto la mano e mi ha detto “ sua eccellenza vi attende, lo avviso che siete arrivati”.

Dopo pochi minuti ero nell’Ufficio del Capo della Polizia, il dott. Pansa Alessandro. Dall’incontro formale e pieno di  paroloni diplomatici che mi aspettavo, ne è uscita una piacevole conversazione durata più di 30 minuti, parole che non dimenticherò mai: 

 con la  tua commovente risposta ad un gesto così vigliacco, sei stato un esempio di virtù sportiva e grande valore umano, la tua sensibilità ha partorito un’autentica lezione di vita, che fa onore a te ed alla tua educazione familiare

 Il dialogo, dai piacevoli complimenti per il mio comportamento e per la mia famiglia, è poi passato allo sport vero e proprio affrontando argomenti come la sicurezza negli stadi, in cui è impegnata la polizia, all’amore per lo sport della famiglia Pansa  (il Capo della Polizia ha due figli che fanno parte uno della nazionale Calcio Magistrati e uno della Nazionale Calcio Viminale).

Inoltre, molto piacevole per me, è stato quando si è parlato di noi arbitri. Il Capo, elogiando il nostro lavoro, ha sottolineato quanto il ruolo dell’arbitro può essere accomunato al ruolo del poliziotto per rischi e sopportazione alle provocazioni.

Questo mi ha fatto immensamente piacere anche perché, come ricordo di quell’incontro, ho portato al ministero una statuetta fatta da un artigiano leccese raffigurante l’arbitro Rosato. Dono che il     Dr.Pansa ha gradito, tanto da promettermi che lo avrebbe fatto mettere all’interno dell’area dell’ Osservatorio sulle Manifestazioni Sportive, riservata alle visite scolaresche un luogo che, nella stessa giornata, ho avuto il piacere di visitare e che ho trovato fantastico per i vari oggetti relativi allo sport esposti. 

Sapere che il piccolo arbitro Rosato sarà esposto in quel luogo mi ha reso molto felice, perché tra tante squadre di calcio presenti, mancava la presenza della squadra arbitrale.
Grazie al Capo della Polizia, ai vertici dell’Osservatorio,  al Questore di Lecce e a tutta la Polizia di Stato per il loro impegno quotidiano per garantire la sicurezza anche nello sport.

Luigi Rosato

DI LIBERATORE A LECCE !

dilibokSarà ospite della nostra sezione, in occasione della riunione plenaria del mese di Dicembre, l' assistente internazionale della sezione di Teramo Elenito Di Liberatore.

Internazionale dal 2008 ha raggiunto l' apice della sua carriera arbitrale rappresentando il movimento arbitrale alle Olimpiadi londinesi del 2012 mentre, al termine della scorsa stagione sportiva è stato premiato come miglior assistente arbitrale per la stagione sportiva 2013/2014.

Già questa breve e semplice introduzione del nostro ospite si capisce che sarà sicuramente una riunione interessante e ricca di contenuti sia arbitrali che, certamente, umani.

Al termine della riunione ci sarà la consueta festa di Natale della sezione di Lecce a cui parteciperà, con nostro estremo piacere, anche il nostro amico Elenito.

 

 

 

Grandi osservatori = Grandi arbitri

vasquezriunioneoa"Grandi osservatori = gradi arbitri" E' con questa equazione che si è conclusa ieri la riunione di settore riservata agli osservatori arbitrali della nostra sezione i quali si stanno imponendo sempre di più sia sui palcoscenici regionali che su quelli nazionali, senza dimenticare il lavoro fondamentale degli osservatori a disposizione dell' organo tecnico sezionale che, domenicalmente, sono in azione su tutti i campi della provincia, sempre pronti a dispensare consigli utili ai nostri giovani arbitri in un' ottica di continua crescita e preparazione alle categorie superiori.

All' incontro di ieri era presente, oltre che l' instancabile responsabile OA della sezione Roberto Greco ed il presidente Paolo Prato, anche il nostro Valerio Vasquez, responsabile OA del CRA Puglia. Proprio quest' ultimo è stato il relatore di giornata incentrando il suo intervento sull' importanza del ruolo dell' osservatore nella formazione di un arbitro e toccando tutti i punti fondamentali per un osservatore: dalla visione della gara alla stesura della relazione finale passando per il colloquio post-gara.

"Il colloquio post-gara - afferma Vasquez - deve essere improntato sul rispetto dei ruoli. Occorre essere anche un po' psicologi quando ci rapportiamo con il collega. Bisogna prima partire dai punti positivi per poi toccare le negatività e soprattutto occorre trasmettere dei consigli affinchè queste criticità non si ripresentino la domenica dopo". E' proprio in questa citazione che è racchiusa tutta la figura dell' osservatore, una persona in grado di saper analizzare con l' arbitro la prestazione e mettere a disposizione tutta la sua esperienza affinchè l' arbitro possa migliorare partita dopo partita, fischio dopo fischio.

E' un ruolo di fondamentale importanza e la sezione di Lecce lo ha ben capito, affidando nelle sapienti mani di Roberto sia la responsabilità di questo gruppo, sia la formazione dei nuovi osservatori che presto saranno pronti a dispensare i propri consigli ai giovani direttori di gara. 

"Grandi osservatori = grandi arbitri" è la frase su cui bisogna continuare a lavorare sulla strada già intrapresa e che sta portando a grandi risultati.

S.P.

LEGALITALIA...TUTTI VINCENTI

locandinaSi terrà a Roma, presso il centro sportivo dell' Acqua Acetosa, la manifestazione "LegalITALIA...tutti vincenti". Si tratta di un quadrangolare di calcio al quale prenderanno parte le squadre di calcio dei Parlamentari, dei giornalisti RAI, del Consiglio Superiore della Magistratura e del Viminale. 
All' Acqua Acetosa, il 20 dicembre, ci sarà anche il nostro Luigi Rosato vittima, nel mese scorso, di una vile aggressione durante un incontro di seconda categoria. A volere la partecipazione di Luigi a questa importante manifestazione sono stati i vertici dell' AIA, in primis il presidente Marcello Nicchi, e gli organizzatori della manifestazione. 

Alle ore 10.00 i capitani delle squadre consegnano un riconoscimento alla correttezza ed all' educazione di Luigi. Seguiranno i saluti del presidente del CONI Giovanni Malagò e dei capitani delle squadre. Alle ore 15.00 Luigi sarà poi l' arbitro della finalissima del quadrangolare. 
A presentare la manifestazione il giornalista RAI Marco Mazzocchi.

 Clicca qui per vedere la locandina della manifestazione

 

SPONSOR

CERCA IN RETE

Ricerca personalizzata

L'ARTICOLO PIÙ LETTO

STATISTICHE

Abbiamo 3 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
129265
Copyright © 2012 Sezione A.I.A "Luigi Rizzo". Tutti i diritti riservati. Designed by Web For All - Web Agency
in cooperation with Joomla templates Joomlashine